Salernitana Nocerina, ovvero i 90 minuti che sancirono il fallimento del modello Maroni


1130021-17809761-640-360

Carlo Maria Miele per mondocalcio.wordpress.com

Cosa è successo oggi a Salerno?

Si può liquidare tutto con frasi fatte. Oppure si può cercare di andare oltre il moralismo scontato che tanto piace ai commentatori di casa nostra. E allora partiamo da una certezza: i 90 minuti (molti meno a dire il vero) più farseschi della storia del calcio italiano sanciscono il fallimento del modello Maroni.

Il sistema di gestione degli stadi basato su tesseramento dei tifosi, divieto alle trasferte, chiusura delle curve, e repressione varia voluto dall’ex ministro leghista ha manifestato, oggi, tutti i suoi limiti. Se (come è evidente) in Italia esiste un problema ultras (una squadra che non scende in campo per imposizione dei propri tifosi non si vede nel resto dell’universo Uefa, con l’esclusione forse dell’est europeo), adesso sappiamo una volta di più che le via indicata da Maroni non è quella giusta per risolverlo.

Ma torniamo a Salerno. Cosa è successo oggi? Il cartellone della 11esima giornata di Lega Pro prevede il derby Salernitana-Nocerina. La partita, attesa da 25 anni, è classificata ad “alto rischio” e la Prefettura di Salerno decide di anticipare la partita alle 12.30 e di proibire la trasferta ai tifosi ospiti.

Niente di anomalo per un sistema calcio che non funziona dalle fondamenta, qual è quello italiano, dove le partite a porte (o almeno curve) chiuse sono una triste consuetudine. L’anomalia è che l’accesso allo stadio di Salerno viene vietato anche ai “tesserati” (i possessori della famigerata – o amata – tessera del tifoso), che nella curva di Nocera costituiscono la stragrande maggioranza, da sempre.

La “compensazione” scelta dalla Lega – partita trasmessa in diretta su Rai Sport – non soddisfa gli ultras nocerini, che decidono di risolvere la questione a modo proprio. Alla vigilia del big match i giocatori rossoneri vengono raggiunti dagli ultras nel ritiro di Mercato San Severino e invitati caldamente a boicottare l’evento. I media locali parlano di “minacce di morte” a chiunque osi scendere in campo.

Fatto sta che alle 12.20, a dieci minuti dall’inizio della gara, allo stadio Arechi della Nocerina non vi è traccia. Alla fine, con abbondante ritardo, i molossi si presentano, e la gara può avere inizio. Peccato che quella che va in scena non è una partita di calcio, ma una farsa. E tra le peggio recitate.

Dopo un minuto il tecnico rossonero, l’ex Napoli e Fiorentina Gaetano Fontana, opera le tre sostituzioni a disposizione. Subito dopo ha inizio la “incredibile” girandola di infortuni tra le fila degli ospiti: al 3′ si fa male Remedi, al 5′ lascia il campo Hottor, al 13′ Danti, al 15′ Kostadinovic e al 19′ Lepore. Al 21′, con la Nocerina rimasta in sei uomini e senza più cambi disponibili l’arbitro non può che fischiare la fine della partita, sancendo il 3-0 a tavolino.

La farsa ha avuto fine. E il modello Maroni (ci si augura) anche.

Una chiosa necessaria: al fischio finale, quasi con sollevazione, la Rai decide di abbandonare immediatamente la diretta da Salerno e, con buona pace del diritto/dovere di cronaca, manda in onda le immagini di repertorio del programma “Perle di sport”.

Meglio non vedere insomma. E chissà quanti altri seguiranno il suo esempio.

La pagina Facebook di MondoCalcio

Segui Mondocalcio su Twitter: @mondocalcioblog

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Tifo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Salernitana Nocerina, ovvero i 90 minuti che sancirono il fallimento del modello Maroni

  1. Anonimo ha detto:

    c’è poco da commentare il calcio italiano è malato ma ancor piu lo stato italiano è in coma

    Mi piace

  2. Pronostici ha detto:

    Penso che quello che è successo vada al di là del sistema calcistico, le minacce sono una cosa seria e la polizia doveva tutelare i giocatori non facendoli scendere in campo, per pericolo di ordine pubblico!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...