Hasta siempre hermanissimo


 

images

di Massimo Sorci*

La partita è finita da nemmeno mezz’ora. Fa caldo. È un giorno di metà giugno del 1996 e la Ternana è purtroppo rimasta in serie C2. Pennacchietti – un carneade della Fermana – ha appena gelato il Libero Liberati al 94′. A nulla sono valsi i gol di Borrello e Clementini che avevano rimediato allo svantaggio dell’andata. Saranno proprio i marchigiani a salire di categoria superando, pochi giorni dopo, il Livorno ai rigori nella finale dei play off.

Fa caldo, si diceva, e fuori dallo stadio c’è un po’ di casino. Ad alcuni monta su la rabbia tipica di chi ha preso – al buio e senza preavviso – un cazzottone di quelli che fanno male il doppio. La polizia lancia qualche lacrimogeno, ci sono un fuggi fuggi generale e un paio di sirene che ululano. A un tratto, mentre sei lì in strada, dietro di te vibra un barrito: “BASTARDI… BELÍN!”. Ti giri e vedi un mammut con la maglia della Sampdoria addosso. La Ternana è anche la sua squadra.

In quell’anno lì la Sampdoria, allenata da Sven Göran Eriksson, era arrivata ottava in serie A, battendo l’Inter a Milano e la Juve a Torino. In porta aveva Zenga, davanti Chiesa e Mancini, a centrocampo Seedorf. Ora, cosa spinga un corpulento blucerchiato a sobbarcarsi 500 chilometri per assistere – nella canicola – a una partita di play off del campionato di C2 è uno dei quei misteri che chi non segue le cose di calcio non capisce. C’è una parola che lo spiega, però: ge-mel-lag-gio.

I gemellaggi tra tifoserie sono una specie di flirt moralmente ammesso, un aperitivo con la migliore amica di tua moglie, una svirgolata verso la poligamia sentimentale. Il tifoso rossoverde tiene anche per la Samp? In fondo che male c’è? Si possono amare le Fere e avere un debole pure per Atalanta e Livorno. A volte uno può anche concedersi qualche scappatella estiva con una straniera, tipo l’austriaca Tirol Innsbruk. Solo i matrimoni inossidabili sanno contemplare la fedeltà plurima. Il gemellaggio è in fondo un rinvigorente dell’Amore vero.

Anche se bisogna fare attenzione. Alcuni di essi nascono da evidenti affinità elettive, oltre che dalla proprietà transitiva (i nemici del mio nemico sono miei amici). Altri invece sono semplici invaghimenti, frutto – il più delle volte – di simpatie casuali e di bovarismo d’accatto. È come per i cartelli alle porte di molti centri abitati: che Assisi sia gemellata con Betlemme un po’ lo metti in conto, ma che Ronco Scrivia abbia una corrispondenza d’amorosi sensi con Chattanooga non è credibile.

Detto questo, sapere che tra i tifosi della Ternana e quelli del St. Pauli – la seconda squadra di Amburgo – c’è del tenero è una cosa che… ebbene sì, Assisi-Betlemme fisso. Il St. Pauli Football Club è una specie di Terza Internazionale del calcio, però molto più anarchica. È la squadra dei portuali, dei “freak” e delle prostitute. St. Pauli – dicono i suoi tifosi in Paulinen Platz, il primo film sulla storia di un club di calcio – è “uno stile di vita”. Insomma, per una città di tradizione operaia e libertaria come Terni una simpatia certamente non casuale. E anche il gemellaggio con la Sampdoria sembra possedere – in tono sicuramente minore rispetto ai tedeschi – una sua ragione socio-esistenziale. “Sampdoria-Genoa – scrive Beppe Di Corrado in Sopra la panca – è la periferia contro il centro, borghesi contro proletari, antichi contro moderni”.

Ternana come St. Pauli e Samp – dunque – in una sorta di lotta di classe calcistica un po’ manierata. Ora, ad Amburgo non saprei dire, ma a Genova – visto che ci abito da una quindicina d’anni – posso assicurare che lo spartiacque tra proletariato e borghesia non risulta di così facile decifrazione. Tanto che conosco un sacco di genoani orgogliosamente proletari. Del resto, ormai anche nel calcio, non sai mai dove finisca la realtà e dove inizi il brand. E forse è proprio per questo che – al netto di ogni gemellaggio o posa sociale – gli aperitivi è molto meglio berli con la propria consorte. Hasta siempre la Ternana.

* pubblicato su TernanaNews

LA PAGINA FACEBOOK DI MONDOCALCIO

SEGUI MONDOCALCIO SU TWITTER: @mondocalcioblog

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Tifo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Hasta siempre hermanissimo

  1. Luca Stigliani ha detto:

    Non condivido i gemellaggi, li trovo privi di senso.

    Mi piace

  2. Anonimo ha detto:

    quindi sei d’accordo con me che gli aperitivi è meglio berli con la propria moglie

    Mi piace

  3. Massimo Sorci ha detto:

    l’Anonimo ero io :-)

    Mi piace

    • Luca Stigliani ha detto:

      Assolutamente si!
      Io tifo per i miei colori, punto. Il gemellaggio poi è una roba che riguarda esclusivamente gli ultras, non tutti i tifosi. Io sono un tifoso, non sono un ultras, quindi i gemellaggi non li capisco proprio.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...