Pagati per stare zitti, la versione Usa degli ultras


img_8642

A chi è abituato allo spettatore/consumatore del basket o del baseball il classico ultras stile europeo non può piacere. In particolare se il soggetto in questione ha la brutta abitudine di farsi sentire con cori o striscioni, rovinando così le dirette delle pay tv.

La logica conseguenza è che, col progressivo diffondersi della passione del calcio, negli Stati Uniti si stanno attuando diverse iniziative volte a limitare i comportamenti poco urbani delle tifoserie. Visto il fallimento dei tentativi di repressione attuati finora dalla Major League Soccer (Mls), adesso si cerca di raggiungere l’obiettivo mediante “incentivi” in perfetto stile economicista. 

L’ultima iniziativa – riportata da Sports Illustrated – arriva dai dirigenti dei New York Red Bulls, che hanno annunciato l’intenzione di retribuire quei gruppi di tifosi che nell’arco dei 90 minuti si asterranno da cori offensivi. In particolare i boss del club newyorchese sperano di far sparire quel “You suck asshole” (o “YSA”), che gli ultras della Red Bull Arena urlano ogni qual volta il portiere avversario si appresta a effettuare il rinvio da fondo campo, turbando così la sensibilità di milioni di famiglie che dal proprio divano assistono al match di turno.

Destinatari del provvedimento sono in particolare le tre principali organizzazioni del tifo locale: Empire Supporters Club, Garden State Ultras e Viking Army. Chi se ne starà buono otterrà a fine partita ben 500 dollari, che dalla quarta gara in poi diventeranno 2 mila.

Qualcuno ha anche accolto il provvedimento con favore. Un rappresentante dell’ Empire Supporters Club, ad esempio, ha sottolineato l’opportunità di “utilizzare questi soldi come rimborso spese praticamente per qualsiasi attività, dall’acquisto delle batterie per i megafoni ai costi dei viaggi in bus”.

E anche questa – per gli standard del tifo europeo – è roba dell’altro mondo.

Carlo Maria Miele per Mondo Calcio

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Tifo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Pagati per stare zitti, la versione Usa degli ultras

  1. Anonimo ha detto:

    si arriverà a questo anche in italia, il dio denaro ed il falso perbenismo la farano da padrone

    Mi piace

  2. duca ha detto:

    tutti a teatro . allora , o tutti in chiesa a pregare , per poi fottere il tuo vicino di banco , o mentre preghi mettere la mano sul culo a sua moglie , poverina ,,,. lo stadio da quando ghe mondo ,è un luogo dove ognuno esprime i propi sentimenti . gli attorio ,sono i giocatori , e l’arbitro ( ora son 3o per ogni partita ) e son ben pagati ( specialmente i giocatori ) e non hanno mai rotto il cazzo . poi son arrivati i neri ,viziati e strapagati . poi falsi moralisti . morale ? simie db
    ps : se uno è stronzo lo è che sia nero , bianco , giallo , donna , maskio , culattone , o lesbika . ma se dici stronzo , a uno stronzo nero , sei un razzista . giusto tutto cio’ ?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...