Turchia, ultras di Galatasaray, Fenerbahce e Besiktas uniti nella rivolta di Gezi Park


ultras Çarşı, sostenitori del Besiktas

ultras Çarşı, sostenitori del Besiktas

di Carlo Maria Miele*

Durante il campionato sono nemici giurati, ma in occasione della rivolta che sta scuotendo Istanbul gli ultras di Galatasaray, Fenerbahce e Besiktas hanno scelto di unirsi.

I supporter dei tre principali club calcistici cittadini hanno annunciato l’intenzione di mettere da parte la rivalità e schierarsi a fianco delle migliaia di persone che da venerdì nella centralissima Taksim stanno protestando contro la distruzione di uno degli storici parchi di Istanbul e contro il governo guidato da Recep Tayyip Erdogan.

Il tutto con un comunicato ufficiale e senza precedenti che porta le firme di UltrAslan (Galatasaray), Vamos Bien (Fenerbahce) e Çarşı (Besiktas).

a Taksim con le maglie di Besiktas, Fenerbahce e Galatasaray [foto Turkish-Football.com]

a Taksim con le maglie di Besiktas, Fenerbahce e Galatasaray [foto Turkish-Football.com]

La decisione, si legge nel documento postato online (e ripreso dal quotidiano Hurriyet), è stata presa per rispondere alle violenze messe in atto dalla polizia contro i dimostrati nel corso delle ultime 48 ore.

A promuovere l’iniziativa sarebbero stati gli ultras Carsi,  gruppo d’ispirazione anarchica (come rivela lo stesso lofo) e da sempre schierato politicamente a sinistra.

Per primi i sostenitori del Besiktas si sono uniti alla lotta, sul modello di quanto fatto un anno fa dagli ultras in Egitto, coniando anche lo slogan “Dateci 100 maschere anti-gas e il parco sarà nostro”.

Immagine

Come ha spiegato al New Yorker uno dei membri storici del gruppo, Ayhan Gÿner, “Çarsi rappresenta l’ultima barricata, mantiene vive le speranze della gente che sta resistendo a Gezi Park”.

“La nostra resistenza – ha detto Gÿner – ha ispirato i leader dei gruppi vicini al Galatasaray e al Fenerbahçe a unirsi”.

Almeno due morti

Intanto quella di ieri è stata una giornata di violenta guerriglia urbana non solo a Istanbul ma in tutta la Turchia, dove decine di migliaia di persone sono scese in piazza contro il governo Erdogan, denunciandone la politica autoritaria e il presunto tentativo di “islamizzazione” del Paese.

Il bilancio ufficiale degli scontri, secondo il ministro degli interni Muammer Guler, è di 79 feriti, di cui 53 civili e 26 agenti.

Secondo Amnesty International, invece, ieri ci sarebbero stati “almeno due morti” negli scontri a Istanbul fra polizia e manifestanti, mentre il numero dei feriti supererebbe il migliaio.

Al momento i manifestanti presidiano ancora piazza Taksim a Istanbul, anche se – secondo i giornalisti presenti sul posto – il loro numero è sceso notevolmente.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Tifo e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...